News

PSR. MISURA 3 - Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. SOTTOMISURA 4.2 - Sostegno agli investimenti a favore della trasformazione/commercializzazione e/o dello sviluppo dei prodotti agricoli

logo pugliaSi pubblicano le Deliberazioni presenit nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 3 del 10 Gennaio 2019

DETERMINAZIONE DELL'AUTORITA' DI GESTIONE PSR PUGLIA 27 dicembre 2018, n. 298

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Misura 3 – Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Sottomisura 3.1 "Sostegno alla nuova adesione a regimi di qualità" Avviso approvato con DAdG nr. 223 del 15/10/2018, pubblicato nel B.U.R.P. nr. 134 del 18/10/2018 e s.m.i. Presa d'atto dell'elenco delle domande di sostegno ricevibili.

DETERMINAZIONE DELL'AUTORITA' DI GESTIONE PSR PUGLIA 7 gennaio 2019, n.1

P.S.R. Puglia 2014/2020 - Sottomisura 4.2 "Sostegno agli investimenti a favore della trasformazione/commercializzazione e/o dello sviluppo dei prodotti agricoli" – Avviso Pubblico approvato con D.A.G. n. 102 del 19/06/2017: § 18 Formulazione e pubblicazione della graduatoria e ulteriore documentazione; Principio 2 "Incremento, rispetto alla situazione ante investimento, delle performance economiche dell'impresa determinato dall'investimento sostenuto".

 

DOCUMENTO DI CONFAGRICOLTURA PUGLIA SULLA VERTENZA DEI GILET ARANCIONI E SUI PRODITORI ATTACCHI SUBITI DAI NOSTRI DIRIGENTI

SPAGNOLETTI ZEULI 1Confagricoltura Puglia ha scelto di entrare a far parte del coordinamento dei gilet arancioni, anzi ha scelto di fondarlo, insieme con le altre associazioni. Si può fingere e mentire fino all'esasperazione, ma è evidente che chi attacca - a volte in modo basso e brutale - lo fa per nascondere le proprie incapacità. La scelta di unirsi in un solo movimento ha un orizzonte ben chiaro: risolvere due gravissimi problemi prima di tutto. Il riconoscimento della declaratoria dello stato di calamità per le gelate e l'approvazione legge speciale che rendesse rapida l'azione anti Xylella. A questo si sono aggiunti altri punti - non scollegati dai due principali - che hanno arricchito la piattaforma delle richieste dei gilet arancioni e che hanno trovato accoglimento sia a livello regionale che nazionale. Il presidente Michele Emiliano ha ascoltato la nostra piazza. Il ministro Centinaio ha aperto un tavolo sulla base della nostra piattaforma. Ma c'è chi preferisce avvelenare l'aria per spostare l'attenzione dalla propria inadeguatezza.

Confagricoltura Puglia rivendica la scelta fatta insieme alle altre associazioni di invitare tutti, ma proprio tutti, al tavolo di confronto. Qualcuno però ha preferito voltare le spalle. Ognuno è libero di fare le proprie scelte, ma costoro non hanno poi il diritto di attaccare, accusare, mentire con l'unico scopo di sminuire il lavoro altrui. Ci ha molto toccato l'attacco diretto al portavoce dei gilet arancioni, perché Onofrio Spagnoletti Zeuli non è per noi un semplice portavoce: è il Presidente Onorario di Confagricoltura Puglia, il simbolo stesso del nostro modo di fare politica sindacale. Respingiamo, pertanto, al mittente le meschine parole pronunciate da chi o è troppo giovane - ed evidentemente inesperto per capirci veramente qualcosa tanto di sindacato quanto di agricoltura - o si sente sminuito dal ruolo, anche solo professionale, che il Conte Spagnoletti Zeuli (di cui sottolineiamo il titolo, perché Conte per nascita e signore sul campo e nei campi) ha saputo conquistare e consolidare negli anni.

Leggi tutto...

Agrinsieme: agricoltura Puglia, il ministro Centinaio riceve i presidenti del coordinamento

centinaio giansanti

"La straordinaria gravità della situazione che sta vivendo l'olivicoltura pugliese richiede che tutti gli interessati mettano da parte le divisioni e facciano squadra, nell'interesse dell'agricoltura; noi stiamo cercando di farlo e chiediamo alla politica di fare altrettanto". Così il coordinamento di Agrinsieme in occasione della conferenza stampa svoltasi al Mipaaft e dedicata alle criticità dell'agricoltura pugliese, alla quale hanno preso parte il coordinatore nazionale Franco Verrascina e i copresidenti Massimiliano Giansanti, Dino Scanavino e Giorgio Mercuri.
La conferenza stampa si è tenuta al termine di un incontro convocato dal Ministro Gian Marco Centinaio e in seguito alla protesta del 7 gennaio a Bari, nell'ambito della quale migliaia di agricoltori, riuniti nel coordinamento dei gilet arancioni, hanno manifestato le difficoltà di un settore che in Puglia conta oltre 350mila imprese e rappresenta il 13,59% del totale delle aziende agricole italiane, per un valore della produzione che si aggira intorno ai 4 miliardi di euro l'anno.

Leggi tutto...

SODDISFAZIONE DI CONFAGRICOLTURA PUGLIA PER I RISULTATI GIÀ RAGGIUNTI DALLA MOBILITAZIONE UNITARIA DI IERI. “E DOMANI ANCORA UNITI SAREMO A ROMA DAL MINISTRO CENTINAIO”

Bari 08 Gennaio 2019 - "È stato incredibile vedere ieri piazza Prefettura, a Bari, letteralmente occupata dagli agricoltori pugliesi, i Gilet Arancioni, pronti a battersi uniti per risollevare le sorti della nostra agricoltura. Un'unità che ha portato al raggiungimento di importantissimi risultati".
È la soddisfazione di Donato Rossi, presidente di Confagricoltura Puglia. "La nostra associazione, all'interno del coordinamenti di Agrinsieme, è orgogliosa di essere stata la base intorno alla quale si è costruito il percorso che ha portato alla riuscita di ieri - spiega Rossi - Così come siamo orgogliosi di aver espresso il portavoce del movimento dei Gilet Arancioni, il conte Onofrio Spagnoletti Zeuli, presidente onorario di Confagricoltura Puglia, il quale ha saputo rappresentare al meglio le nostre istanze, sia nella piazza gremita, sia di fronte al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. E domani lo farà di fronte al ministro GianMarco Centinaio".

"Dopo mesi di evidenti incomprensioni con la politica sia regionale che nazionale, Confagricoltura Puglia e Agrinsieme, grazie a un sapiente lavoro di relazioni - spiega Rossi - hanno scelto di sposare la via dell'unità, perché gli obiettivi da raggiungere erano troppo importanti per dare spazio a qualsiasi inutile protagonismo". Il primo importante target centrato è l'incontro convocato a Roma al Mipaaft. "Da tempo lo chiedevamo - spiega il presidente Rossi - e ancora di più chiedevamo che il ministro venisse qui, in Puglia, a rendersi conto di persona dei problemi del nostro comparto. Potremo finalmente spiegare quanto sia necessaria alla nostra regione la declaratoria dello stato di calamità conseguente alle gelate dello scorso anno, così come è urgente l'approvazione di un decreto per il contenimento della Xylella". Dopo l'incontro di domani a Roma, il ministro Centinaio sarà a Bari il 31 gennaio per incontrare i rappresentanti di tutte le organizzazioni che fanno parte del coordinamento dei Gilet Arancioni.

Altrettanto importante è stata ieri l'apertura di un'interlocuzione, priva di mediazioni, con il presidente della Regione Puglia. "Con Emiliano ci rivedremo sabato 12 - dice Rossi - Ormai le richieste nostre e le sue promesse sono sul tavolo e sono state condivise di fronte alle migliaia di agricoltori, che ieri sono rimasti in piazza fino a tarda sera per avere risposte". Nessuno si potrà tirare indietro. "Noi non abbiamo bisogno di scuse - dice il presidente di Confagricoltura Puglia - né di dimissioni, come non chiediamo applausi per aver fatto solo il nostro dovere semplicemente alzando un po' la voce questa volta. Ma evidentemente, senza toni più alti c'è chi finge di essere sordo".

I punti sono dunque chiari: decreto sullo stato di calamità per le gelate, decreto per la xylella, stesura di un piano olivicolo nazionale, utilizzo dei fondi del Patto per il Sud per la ristrutturazione dell'agricoltura e olivicoltura pugliese.

"I Gilet Arancioni, con la loro capacità di aggregare il 99,9% del mondo agricolo pugliese e di convogliare anche la protesta di altre categorie economiche regionali - afferma Donato Rossi - hanno dimostrato l'importanza dell'unità nel confronto con le istituzioni. C'è chi vorrebbe il mondo agricolo pugliese diviso, per poterlo meglio soggiogare. Solo se rimarremo massa critica avremo la forza necessaria a confrontarci con chi altrimenti continuerebbe a crogiolarsi nella propria mediocrità".

Gilet Arancioni. L'intervento del presidente di Confagricoltura Puglia Donato Rossi alla manifestazione

In prima fila, in piazza Prefettura, insieme a oltre 3.000 agricoltori, il presidente di Confagricoltura Puglia, Donato Rossi, ha spiegato la piattaforma di rivendicazioni dei Gilet Arancioni. "È una rivenducazione della terra verso il sistema politico, che non ci dà risposte. Abbiamo subito un danno epocale, che ha buttato via un raccolto di proporzioni notevoli, che comporterà compromissioni finanziarie all'interno delle aziende. Partiamo dal lavoro, ma anche puntiamo sugli investimenti, anche in considerazione di un Psr che è rallentato enormemente e che ancora non ci dà risposte, unbitamente alla Pac. Partiamo dunque da una piattaforma complessa, ma sia chiaro, il nostro obiettivo sono i danni delle gelate".

GUARDA IL VIDEO

 

title evidenza

Schermata 2015-04-23 alle 09.40.06

prezzi & mercati

 


gallery

title sedii

Puglia sedi2

 

logo confagricoltura enti-collegati
Confagricoltura

 

title area_riservata



title calendario

 «  < May 2019 >   »
SuMTWThFS
25

title newsletter

Compila questo modulo per iscriverti gratuitamente alla nostra newsletter
Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

title meteo

PUG

title video